Premio "Torre d'Argento"a Cirigliano,tra importanti rappresentanti della Lucanità

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Cirigliano. Il 4 agosto, nel più piccolo Comune della provincia di Matera, si terrà il Premio Torre d'Argento, che si prefigge di assegnare il giusto riconoscimento a personaggi della Basilicata, o di origini lucane, che si sono particolarmente distinti anche oltre i confini regionali, sia nelle professioni che nelle arti.
La manifestazione, giunta alla sua XXX edizione, inizierà alle 18.30 presso il museo comunale con la presentazione del libro di Fabio Amendolara, Vel-ENI, a cura del professor Pino Gallo.
Ad Amendolara, giornalista e scrittore lucano, andrà una delle Torri d’argento, perché i suoi libri-inchiesta e i suoi articoli, pubblicati su testate come Panorama e La Verità, si distinguono per essere sempre "dentro la notizia, ma fuori dal coro".
Il volume, edito da Il Castello nel gennaio 2016, va alla ricerca del filo che lega il caso Mattei con la morte di Mauro de Mauro e di Pier Paolo Pasolini, il cui vero protagonista è l'oro nero. Amendolara si fa strada tra i faldoni delle inchieste, rifiutando la sindrome del complottismo e portando alla luce, attraverso la scrupolosa ricerca giornalistica, elementi di verità.
Verità negate, finite nella tomba del loro più tenace custode, Emilio Colombo.
Verità ancora tutte da indagare, come quelle taciute da Marcello Dell'Utri. L'ex senatore di Forza Italia, che, durante una conferenza stampa ammise di aver letto quel capitolo, Lampi sull'ENI, poi scomparso, scritto da Pasolini nel libro Petrolio. Pasolini stava infatti indagando sulla faida interna tra Enrico Mattei e Eugenio Cefis, suo vice, e attraverso quelle pagine cercava di far luce su quello scontro.
Il giornalista lucano cerca di far chiarezza anche sulla scomparsa del giornalista Mauro de Mauro, incaricato dal regista Francesco Rosi di raccogliere materiale per la realizzazione del film Il caso Mattei. Dagli atti depositati ad inchiesta conclusa dalla procura di Pavia emergono alcuni importanti elementi. Tra questi il verbale in cui Rosi dichiara che il film, Il caso Mattei, fu finanziato proprio dall'ENI di Cefis, uno tra i più accaniti antagonisti dell'imprenditore marchigiano.
Amendolara ripercorre le tragiche vicende di questi tre uomini, esaminando un intrigo tutto italiano che muove soldi e poteri forti. Sullo sfondo, l'ombra della mafia siciliana.
La manifestazione proseguirà in Piazza IV Novembre dominata dal castello baronale, che farà da naturale palcoscenico della serata condotta da Eva Immediato.
Dopo i saluti delle autorità si procederà alla consegna delle Torri d’Argento 2019 alla Soprano Paola Francesca Natale, "per le grandi doti di cantante e per il suo ruolo di ambasciatrice della lucanità nel mondo".
Ed allo scenografo Mario Carlo Garrambone, perché "la sua Lucania gli ha dato le idee per raccontare attraverso un gioco di luci e colori, la poesia della sua terra d’origine".
Interverrà anche Antonio Petrocelli di origini montalbanesi, conosciuto dal grande pubblico nelle vesti di attore, umorista e cabarettista, ma anche di scrittore e caratterista di cinema, teatro e televisione. Seguiranno tanti altri ospiti nella magia di uno spettacolo dai ritmi veloci ed accattivanti.

Simona Pellegrini

Premio torre dargento

LOGO CHIFRA

FOTO HOME DIPIERRO
FIORICENTRO

Totem SPOSI web copia 01

logo mondi lucani 01
BANNER_EMAIL



MONTE SPORT copia

BANNER FINALE