Napoli: i latori di San Rocco di Montescaglioso alla processione di San Gennaro

Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

FOTO HOME Latori San Rocco NapoliUna cinquantina di montesi, accompagnati da Don Vittorio Martinelli e da alcuni componenti del gruppo “Latori per San Rocco”, per il quarto anno, sabato scorso, 5 maggio, sono andati in pellegrinaggio a Napoli, per omaggiare San Rocco, Santo Patrono della comunità montese e quarantaseiesimo compatrono di Napoli portando in processione il suo busto.

Da anni, infatti, il sabato che precede la prima domenica di maggio, si svolge la tradizionale, solenne processione del Busto di San Gennaro, delle Ampolle contenenti il Sangue del Martire e dei busti argentei dei Santi compatroni, tra cui appunto San Rocco, dalla Chiesa Cattedrale alla Basilica di Santa Chiara. La processione si svolge in ricordo della traslazione delle Reliquie del Santo dal Cimitero posto nell’Agro Marciano, nel territorio di Fuorigrotta, alle Catacombe di Capodimonte, poi denominate, per questa ragione, di San Gennaro.
L’avvio della processione è stato preceduto da un breve momento di preghiera guidato dall’Arcivescovo. Il corteo processionale si è snodato nel rione Forcella e poi è proseguito Via San Biagio dei Librai e piazza San Domenico Maggiore, fino alla Basilica di Santa Chiara. Il corteo processionale era accompagnato dalla Fanfara dei Carabinieri, mentre la statua di San Rocco era accompagnata dalla note della Bassa Musica “Citta di Montescaglioso”. Nella Basilica di Santa Chiara, ha avuto inizio la Celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo. In tale occasione, come è avvenuto tante volte negli anni scorsi, si è rinnovato il prodigioso evento della liquefazione del Sangue del Santo.
Poco prima dell’inizio della processione, il Cardinale Sepe ha salutato le delegazioni presenti alla processione e si è recato nella Cappella del tesoro, accolto dalla Deputazione e dai Prelati della Cappella. Quest’anno le statue preparate per la processione erano ben ventidue e sfilano in ordine di anzianità di proclamazione, dai compatroni più recenti a quelli più remoti: San Rocco è compatrono di Napoli dal 1865. Infine, i montesi che hanno vissuto una giornata intensa, hanno accompagnato il busto del loro Santo con canti e con grande devozione.
Nunzio Buonsanti