Il Presidente del Comitato Civico Francesco Nigro chiede “se Tempa Rossa ha potuto godere o meno del brevetto Polimi

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Foto Comitato GorgoglioneGorgoglione. Il Presidente del Comitato Civico, Francesco Nigro, che si batte “per la salvaguardia della Memoria Storico-Culturale del luogo e per la difesa Ambientale, ha inviato alle sedi Total di Milano, Potenza, Corleto Perticara e Rosate una lettera raccomandata per chiedere

“se Tempa Rossa ha potuto godere o meno del brevetto Polimi, oppure continuerà ad utilizzare la torre in torcia come vera e propria discarica in atmosfera di tutti quei veleni che desertificheranno la sparuta popolazione che ancora abita la Lucania con pecore e annesso territorio”. Un brevetto del Politecnico di Milano, datato 21 ottobre 2015, che, secondo il Comitato, “se utilizzato nella costruzione del centro di prima depurazione del petrolio convogliato a Tempa Rossa dai sei pozzi della concessione Gorgoglione, sfruttando una reazione di ossido - riduzione, abbatte i prodotti nocivi di scarto liberati in atmosfera e produce, invece, energia pulita”.

“In fase di realizzazione, dice Nigro, questo impianto è stato magnificato da opuscoli propagandistici dai titoli accattivanti, quali: “Total il futuro scende in campo”, “Venti domande, Total risponde”, divulgati alle famiglie con lettere caldeggianti dai relativi Sindaci di Corleto, Guardia Perticara e Gorgoglione. Ed in più fasi veniva anche presentata l’’iniziativa “Porte aperte a Tempa Rossa”, illustrata da 3 oratori che invitavano a visitare questo “monstrum” di avanguardia tecnologica, ricco di avveniristiche soluzioni, salvo, poi, a non consentire al nostro Comitato di effettuare una registrazione audio dell’incontro”. “

“Perciò, sottolinea Nigro, dopo aver registrato molti incidenti di eventi in torcia, , fumate e puzze di uova marce denunciate da vari Sindaci durante le prove di esercizio prima dell’entrata a pieno della produzione; consci delle gravi preoccupazioni univoche per il surriscaldamento del pianeta, conseguente buco dell’ozono ed emissioni in ambiente di svariate sostanze inquinanti, il 18 novembre scorso abbiamo preso carta e penna ed abbiamo chiesto alla Total se l’impianto di Terra Rossa utilizza o meno il brevetto Polimi”.

“Per noi del Comitato, tiene a precisare il presidente, questo brevetto rappresenta perciò una speranza per la conservazione di un ambiente sano e rispettoso di uomini, animali e piante. Intanto rimaniamo in attesa di leggere la risposta della Total”.

Pino Gallo

FIORICENTRO
LOGO CHIFRA
Logo laterale sito
logo mondi lucani 01
 BANNER ON THE ROAD TO LITTLE LUCANIA

BANNER FINALE